PROGETTO IDEATO E ORGANIZZATO DA PRISCILA CUJILAN - GENOVA DICEMBRE 2009

giovedì 17 giugno 2010

ADULTOS
5° CLASSIFICATO: GRACIELA DEL PINO
VIDA Y MUERTE

El acto trascendente de la vida,
Es cuando recibimos a la muerte,
El alma huye y la materia inerte,
Se transforma en una inmensa herida.

Lo que hoy tenemos no es màs que pasajero,
Y con el tiempo, todo se evapora,
Al darnos cuenta que ya llegò la hora
De seguir por la ruta del viajero.

Guiados siempre por el deber sagrado,
Navegando en el mar de la esperanza,
En el velero que la fè nos lanza,
Hasta llegar al fin determinado.

Las virtudes que en vida poseemos,
Son plantas que crecen y germinan,
Pero, al llegar la muerte se terminan
Y no pasa de un sueño lo que vemos.

Cuando hemos transitado reciamente,
Por los caminos que la vida ofrece;
Y, el trabajo largo nos parece
La muerte, nos espera sonriente.

Es el jardìn lozano de la vida,
Donde florecen nardos y claveles,
Solamente son hojas y papeles
Que al soplido del viento, van de huida.

La vida es una larga travesìa,
Que cruzamos a veces muy contentos,
En otras, saturados de tormentos,
Con angustioso ritmo de agonìa.

La muerte es el fin de la jornada,
De los seres que llegan hasta ella,
Sin el fulgor que emana de una estrella,
A convertirse en polvo, luego en nada.

En el descenso hacia la tumba helada,
Ya nada somos, nada conocemos;
Solamente al llegar aquì seremos,
De miles de gusanos la carnada.

Vida y muerte, etapas del humano,
Que lucha por vivir y màs se muere;
Y, en los momentos que vivir se quiere,
Seductora, la muerte, da su mano.
***
4° CLASSIFICATO: BETSY VASCONEZ

UNA ESTRELLA INALCANSABLE
Yá un mes, un día como hoy;
deseo recordar lo que la vida
en un mágico suspiro me regaló,
aunque el fugaz viento,
su encanto se llevó.

Disfruté por un día,
la alegría de ser feliz,
a pesar que el mundo
su espalda nos dió:
nuestros sueños marchitó,
el corazón triste quedó y
al alma inquieta dejó.

Más, el intenso fuego
de su lindo compartir;
que álas a mi vida dió,
aún vive y arde
en todo mi existir.

Envuelta en las lágrimas del dolor,
la comprensión
no se quebrantó.
Surgió, si la distancia
y amarga soledad,
más las palabras...
su expresión encantadora...
son los que alientan mi vida
al despertar en la aurora.

Mi corazón no puede mentir,
y mi alma menos fingir.
Inalcansable su estrella será;
un sueño vago en la realidad.
Seguiré soñando en silencio y en secreto,
aunque sea por un momento.

Y si en tanto tiempo compartí mi querer,
y la distancia no fué el olvido;
la esperanza será mi volver,
de tenerte un dia otra vez.
***
3° CLASSIFICATO: NORMA RODRIGUEZ

EL BOMBO
Ese bum bum
Que sale de tu vientre
Que muchas veces mi tristeza
Se ha llevado,
como quejido errante
entre su sonido,
oh, como marejada
entre el misterio de las olas

Este bum bum
Me alienta, me trnansforma
Y me incita a decir
Cosas melifluas
Bombo sagrado
Que mi estirpe adora
Te pareces al trueno
Que me asusta
Oh, a veces el quejido
De algùn negro
Que por su negra
El alma se destroza.

Cuantas veces de prisa
Entre la gente
He oìdo tu voz estrepitosa,
llamàndome de urgencia
hasta su lado
y sin poder resistirme
a tu llamado
he corrido como el viento
en plena prisa,
y al momento
ese bum bum caliente
se ha mezclado
entre la turbulenta
sangre de mis venas

Y en un ritual danzante
Te he ofrecido
Mi baile como a un rey
Porque el negro
No conoce mas rey
Que su tambor.
***
2° CLASSIFICATO: VICTOR HUGO ZAMBRANO ESCOBAR

EXTRAÑOS DESCONOCIDOS
La casta ha expedido el decreto:
ordena crear el “gueto”
diferencia el color de la tes
e investiga de que padres ès.

Milenios tras el origen
cuando ya era erguido el aborigen,
la espontaneidad de los grupos
de iguales senas para los cupos.

Creyeron que lo extraño
les acarrearìa daños....
y surgieron los grupos de iguales
para protegerse de los males.

Asì sobrevivieron
los que otrora murieron
decifrando la vida de esa manera,
los inventores de fronteras.

Y transcurrieron los tiempos
y se multiplicaron los alientos,
surgiendo grandes poblados
pueblos mas distanciados.

Lo etnio dijo presente,
en todo lugar fue vigente
desde y aquellos dìas
en que el grupo regìa.

Siempre el rechazo a lo distinto
o por blanco o por tinto.
Es que los ojos poseen colores
pero carecen de valores.

Ese quièn, que mirò con estupor
es imnegable fundador....
el forjador de lo ignorante
y que amara lo distante.

Amantes de brechas
¡que oscuras mente estrechas!
Alli en lo que desconosco
para ser ingenuamente tosco.

Requiero de una frase
que el mundo abraze!....
espero que el ser humano
un dia reconosca su hermano.
***
1° CLASSIFICATO: VINICIO RODRÍGUEZ VALLEJO

Génova
Génova, eterna marinera,
suspendida a la orilla del mar,
amarrada a tu dintel apeninar,
al viento tu grácil cabellera.

Desde tu estratégico puesto
-tierra y agua y mar y montaña-
has visto desgarrarse la entraña
de Italia buscando otro puerto.

¡Fuiste de todo conocedora!
de tristezas, alegria y llanto,
de ensueños, quimeras y canto,
azulmarina benefactora.

Como ayer, bella, hoy vuelves
a saborear desde tus puertos
el afán, los nostálgicos vientos
que ansiosos tientan tus fases.

Has abierto tu cancelada
o la dejaste entreabierta
con la esperanza cierta
de toda madre abnegada-

Tu esperanza de olivos verdes
es hoy con nosotros tangible:
han tornado tus hijos valientes
trocados en mi gente de temple.
***
JOVENES
5° CLASSIFICATO: VANESSA LOURDES PERALTA MONTESDEOCA

DI LO QUE SIENTES
Hay personas que dicen lo que sienten
Hay personas que no dicen lo que sienten
Sin pensar
Y sin disimular
Diles lo que sientes
No sufras en silencio
No calles sin aliento
No mantengas ese veneno
En tu corazón
Si tú tienes una herida, grita
Si tú tienes un rencor, perdónalo
Si tú tienes un error, háblalo
Pero no ocultes tus sentimientos
Sin explicar y sin importar
Lo que digan los demás
Diles lo que sientes.
***
4° CLASSIFICATO: ANDRES ALFONSO MOREIRA TAPIA

LA PIOGGIA
Alzo lo sguardo per sognare,
esce una lacrima che non mi fa respirare
mi blocco e non riesco a parlare,
arriva la pioggia
così fredda,
così normale,
che copre il mio dolore
il mio dolore,
il mio male,
che la gente non potrà notare
perché un sorriso,
copre il mio viso
ma non il mio cuore
che è ferito da un'illusione.
***
3° CLASSIFICATO: DINA KEYLA TAMAYO SALTOS

VOGLIO TORNARE A CASA
Voglio tornare a casa,
dimenticare ogni cosa,
farmi una nuova vita,
abbandonare la partita.
Ogni persona ,per me, è speciale:
un giorno cambia, un giorno è uguale.
Mi manca già tutta la gente,
dal più serio al più divertente,
i miei insegnanti, i miei vicini,
i miei amici, i miei cugini…
Vorrei tornare ai giorni felici,
in cui scherzavo con i miei amici
Vorrei tornare a ridere in famiglia
e mangiare insieme gelati alla vaniglia.
Ma il dolore che sento
mi spegne il cuore piano, lento,
e il mio desiderio di partire
persiste ancora, fino a farmi soffrire.
Io ora, cari amici, vi chiedo:
“Lety, Sara, Kya, Fili, Edo:
riuscirete a farmi cambiare opinione?
Se sì, datemi almeno una buona ragione.
Io vi penso tutti i giorni,
ma voi, volete veramente che io ritorni?”
Mi mancheranno le nostre belle scappatelle
in cui correvamo per mano come fossimo sorelle…
mi mancherete anche voi cari cugini,
mi avete insegnato a vivere, fin da bambini.
Mi mancano già la “mia” Pauline e la “mia” Silvietta
che mi hanno sempre appoggiata, dandomi un’amicizia “perfetta”!
Ricordate tutti i giorni che vi vorrò sempre bene
e che del vostro affetto saran le mie lacrime piene.
Sinceramente, mi mancherete tanto
ed è a voi che ora dono il mio canto.
***
2° CLASSIFICATO: LISSETTE ISABEL JIMENEZ MONCAYO

POESIA
Oh mundo, grato y no grato a la vez,
quizás cuantas personas has castigado injustamente, quizás cuantas no,
que es lo que encierras en ti, que es lo que ocultas,
que es aquello que nos permites ver, pero que nos rechazamos de hacer.

Agua, Tierra, Fuego y Aire, ¿es esto que nos ofreces? Nada más?
¿No te parece que sea poco para calmar nuestras necesidades?
¿Te has olvidado de formar legames entre unos y otros?
¿Te has olvidado de donarnos la capacidad para poder relacionarnos
con personas diferentes de nosotros?

Oh mundo, aunque si mucho se autorepresentan como cosmopolitas,
pocos entienden el significado de esta palabra, la verdad es que tú,
nos has brindado los medios suficientes para hacer si que
todos nos reunamos bajo una unica nacionalidad, pecado que
esto por ahora sea solo una idea.
***
1° CLASSIFICATO: GEMA LIZBETH TOALA ROJAS

Tierra hermosa de mis sueños
Tierra hermosa de mis sueños
la cual me vió nacer
con sus cuatro regiones
que brillan al amanecer.

Costa, Sierra, Oriente
pertenecen a Ecuador
y las islas Galápagos
que son belleza y amor

Con sus costas encantadoras,
sus playas que enamoran
y su clima tropical
hacen de ésta una región espectacular.

Un pedacito de esta región es mi lindo Manabí,
lugar donde nací.
Que con sus mujeres bellas, hombres valientes, ríos y valles
hacen de mi provincia un paraiso incomparable

Sus montañas nevadas, bellezas aladas
bendición de la tierra, por sus costumbres sagradas
y adornada por Quito que es nuestra capital
ubicado en la mitad del mundo,
es patrimonio de la humanidad

Bañado por el río Amazonas, está la región Oriental
donde también se puede hallar, la riqueza natural.
Tenemos minas de oro y petróleo en cantidad
grupos etnicos formados que reflejan su cultura y majestuosidad.

Son islas encantadas por su riqueza y fortuna,
las islas Galápagos no se comparan con ninguna
Cuantos turistas llegan sonriendo de ilusión
porque visitan este pedacito de tierra orgullo de Ecuador.

Cada mañana recuerdo ese inmenso cielo azul
y a mis seres queridos, a quienes extraño con amor,
por eso anhelo algún dia regresar
a mi lindo Ecuador.
***
PREMIO SPECIALE ALLA PIÙ PICCOLA PARTECIPANTE

KATHERINE MOREIRA
Io voglio
Io voglio
una città in cui nessuno parli male degli stranieri
che non ci trattino male!
O, quanto mi piacerebbe una cosa così!
Ma purtroppo non posso cambiare le cose.
Però io vorrei anche un cagnolino che mi piace
ma anche quello non posso averlo.
Scrivere delle storie è molto bello
perché puoi scrivere le cose che tu pensi,
mi decido e prendo un foglio e una penna
e descrivo quello che ho in mente,
Una storiella.
E tolgo così tutto dal mio cuore.

mercoledì 16 giugno 2010

La poesia della "contravuelta": La Repubblica ha parlato di noi!

La Repubblica oggi, mercoledì 16 giugno 2010, ci ha dedicato il seguente articolo (http://genova.repubblica.it/cronaca/2010/06/16/news/la_poesia_della_contravuelta-4880429/), firmato da DOMENICA CANCHANO:
"Grande successo del concorso sulla diaspora ecuadoriana. Un centinaio di elaborati in gara. I migliori versi premiati da un autore di eccezione, Mario Campaña
messaggio del poeta Jorge Enrique Adoum, cui Genova ha dedicato il primo concorso di versi della diaspora ecuadoriana, è cercare di essere persone migliori. Ecuadoriani migliori, latinoamericani migliori. Persone migliori. A questo si sono ispirati i 66 partecipanti che in questi tre mesi hanno fatto arrivare 97 testi iscritti inediti, in lingua spagnola e italiano. "Da tre anni io e altri cittadini genovesi sudamericani seguiamo un gruppo di lettura di poesia latinoamericana moderna e contemporanea presso la biblioteca Berio e a Cornigliano", spiega Priscila Cujilan, guayaquileña di 37 anni, ideatrice del concorso. E aggiunge: "A frequentare il laboratorio sono bambini ma anche adolescenti, con tanta voglia di conoscere la letteratura dei nostri paesi e imparare a recitarla nella nostra lingua. Da qui è nata l'idea di realizzare un concorso di poesie dove giovani e adulti erano invitati a plasmare in lettere la parte più profonda del nostro essere: i sentimenti. Stimolando l'autorappresentazione e prendendo così le distanze dagli stereotipi".La premiazione del concorso, avvenuta alla presenza di uno dei più prestigiosi poeti ecuadoriani, Mario Campaña, ospite del XVI Festival della Poesia di Genova, si è trasformata in uno straordinario momento di espressione di cultura all'insegna dell'arte, dell'incontro e della volontà di dar voce ai partecipanti attraverso le loro poesie. E che poesie: struggenti, intense, commoventi. Quasi tutte intrise di velata malinconia, come nel testo di Gema Lizbeth Toala, 17 anni, prima classificata nella sezione giovani: "Terra bella dei miei sogni/che mi hai visto nascere/ con le sue quattro regioni/ che brillano all'aurora... Un cantuccio di questa regione è la mia linda Manabí/ luogo mio natale... Ogni mattina ricordo questo immenso cielo azzurro/ e i miei cari, che mi mancano e a cui penso con amore/ per questo anelo un giorno ritornare/ al mio lindo Ecuador". Se le distanze sono così sentite dai giovani, quello però che emerge dai testi è la identità culturale che nella diaspora diventa strumento per entrare in contatto con culture diverse, non creando conflitto ma producendo ricchezza. Con una apertura alla speranza. "Genova, eterna marinaia/ sospesa sulla riva del mare/ legata al tuo arco appenninico/ al vento la tua gracile chioma. Dal tuo strategico punto/ terra e acqua e mare e montagna/ hai visto strapparti generazioni/ d'Italia alla ricerca di un altro porto... La tua speranza di ulivi verdi/ è oggi con noialtri tangibile/ hanno reso i tuoi figli valenti/ trasformati nella mia gente di tempra". Vinicio Rodriguez Vallejo con questo testo si è classificato primo nella sezione adulti, ed è attualmente in procinto di pubblicare la sua prima novella".

Poesia ecuadoriana a Genova!

Domenica 13 giugno 2010, nel contesto del XVI Festival della Poesia di Genova, presentata dall'organizzatrice Priscila Cujilan e dal giornalista Marcelino Ortiz, si è svolta la premiazione del I CONCORSO DI POESIA DELLA DIASPORA ECUADORIANA “JORGENRIQUE ADOUM”.
Pur trasferito dal Cortile Maggiore del Palazzo Ducale – dove era previsto secondo programma – alla Sala del Munizioniere a causa di un breve, ma intenso temporale estivo, l'evento ha fatto registrare la presenza di oltre un centinaio di persone, perlopiù membri della comunità ecuadoriana genovese e ligure, ma anche tanti genovesi e italiani in genere.
I due presentatori hanno introdotto l'evento offrendo al numeroso pubblico presente un saggio di musica latina, in particolare andina, proposto dal gruppo di Cristian Ruiz, il cui pezzo forte e più significativo è stato Vasija de barro, al cui testo aveva contribuito nel lontano 1950 il grande poeta ecuadoriano Jorge Enrique Adoum, a cui è stato dedicato il concorso stesso.
La console dell'Ecuador a Genova, dott.ssa Esther Cuesta, ha salutato i presenti e gli organizzatori, ha ringraziato Claudio Pozzani per aver ospitato il concorso all'interno del XVI Festival della Poesia, e ha dichiarato tutto il sostegno suo e del Consolato nei confronti di iniziative di questo tipo, nelle quali, attraverso l'autorappresentazione dei migranti, del loro pensiero e dei loro sentimenti, sia espressa la genuina cultura ecuadoriana.
Una volta citati i patrocinatori del concorso – Consolato dell'Ecuador a Genova, Grupo de Lectura en Español della Biblioteca Civica Berio, Pachamama Artigianato Ecuadoriano, Associazione USEI Unione di Solidarietà degli ecuadoriani in Italia e Istituto Latinoamericano “José María Velaz S.J.” IRFEYAL di Genova –, nonché gli sponsor dello stesso – Banco di Chiavari e della Riviera Ligure, Associazione Tonino Archetti Onlus, Centro Studi Medi, Mutuo Seguro Snc, Libreria Books in The Casba, Associazione di Volontariato per la Fundación de Ayuda Social Madonna della Guardia, Associazione Contatto Latino, Sig. Lucas Luzón, Revista Mi País – si è svolta di seguito la rassegna dei premiati selezionati da una giuria internazionale composta dai seguenti membri:
Mario Campaña: poeta ecuadoriano ospite del XVI Festival della Poesia di Genova;
Raffaele Taddeo, Direttore della Rivista on line di letteratura della migrazione El Ghibli;
Marcelo Vega, autore ecuadoriano del racconto “Lacrime e sogni” incluso nell'antologia “La lingua strappata”;
Byron Salas, pittore ecuadoriano di fama internazionale;
Clementina Sandra Ammendola, scrittrice italo-argentina che tra l'altro ha diretto i laboratori di scrittura funzionali al progetto del concorso;
Marisol Patiño, poeta lei stessa e ricercatrice dell'Università di Costa Rica, ma cuencana di origine, a Genova nei mesi scorsi invitata dalla Facoltà di Sociologia;
Il Prof. Francesco Surdich dell'Università di Genova;
María Leonor Baquerizo, scrittrice e docente universitaria di Guayaquil nel 2008 a Genova per una conferenza alla Biblioteca Berio alla quale ha portato in dono molti volumi di letteratura ecuadoriana contemporanea.
Possiamo dire che si è trattato di uno straordinario momento di espressione di cultura all'insegna dell'arte dell'incontro e della volontà di dar voce a chi normalmente non ne ha nella società italiana.
Di seguito la lista dei premiati - i loro testi li pubblichiamo a parte -, con le motivazioni relative:
Adultos
1° CLASSIFICATO: VINICIO RODRÍGUEZ VALLEJO
Poesia: “GÉNOVA
2° CLASSIFICATO: VICTOR HUGO ZAMBRANO ESCOBAR
Poesia: “EXTRAÑOS DESCONOCIDOS
3° CLASSIFICATO: NORMA RODRIGUEZ
Poesia: "EL BOMBO
4° CLASSIFICATO: BETSY VASCONEZ
Poesia “UNA ESTRELLA INALCANSABLE
5° CLASSIFICATO: GRACIELA DEL PINO
Poesia “VIDA Y MUERTE
Jovenes
1° CLASSIFICATO: GEMA LIZBETH TOALA ROJAS – 17 años
Poesia : “TIERRA HERMOSA DE MIS SUEÑOS
2° CLASSIFICATO: LISSETTE ISABEL JIMENEZ MONCAYO – 18 años
Poesia: “POESIA
3° CLASSIFICATO: DINA KEYLA TAMAYO SALTOS – 13 AÑOS (!)
Poesia: “VOGLIO TORNARE A CASA
4° CLASSIFICATO: ANDRES ALFONSO MOREIRA TAPIA – 19 AÑOS
Poesia : “LA PIOGGIA
5° CLASSIFICATO: VANESSA LOURDES PERALTA MONTESDEOCA - 21 años
Poesia : “DI LO QUE SIENTES
PREMIO SPECIALE ALLA PIÙ PICCOLA PARTECIPANTE
KATHERINE MOREIRA NATA IL 26/09/1996

venerdì 4 giugno 2010

Premiazione del concorso e Mario Campaña





Ringraziamo la comunità ecuadoriana e genovese, i partecipanti al concorso e tutti gli sponsor che hanno sostenuto questo progetto.
Sono arrivati 97 testi iscritti da parti di 66 partecipanti e possiamo già dire che l'iniziativa è stata un successo e che abbiamo letto testi veramente belli! La giuria ovviamente sceglierà quelli che riterrà di premiare. Vi aspettiamo numerosi il giorno della premiazione.

Inoltre, grazie alla collaborazione con il Consolato dell'Ecuador a Genova e Claudio Pozzani organizzatore del Festival Internazionale della poesia di Gevova, il 13 giugno 2010 alle ore 21 (Palazzo Ducale) ci sará il reading internazionale in cui per la PRIMA volta l'Ecuador sará rappresentato in questo evento da un poeta ecuadoriano: MARIO CAMPAÑA .

Mario Campaña è nato a Guayaquil nel 1959. Ottiene la laurea in Giurisprudenza e dopo aver vissuto a Città del Messico, Glasgow e Parigi, migra in Catalogna, dove risiede dal 1992.

Il suo ultimo libro di poesia è Aires de Ellicott City, tradotto anche in francese. Inoltre, ha scritto le biografie letterarie Francisco de Quevedo, el hechizo del mundo, (Omega, 2003) Baudelaire. Juego sin triunfos (Random House Mondadori, 2006). Ha tradotto Una Tumba para Anatole, di Stéphan Mallarmé ed ha curato 4 antologie: Poesía modernista ecuatoriana (1999), Así en la tierra como en los sueños (1991), Visiones de lo real en la poesía hispanoamericana (DVD, 2001), En el sueño de Chagall faltan palabras. Antología de poetas hispanoamericanas contemporáneas (Bruguera, 2007).

Collabora spesso a riviste letterarie in Ecuador, Venezuela, Messico, Argentina, Stati Uniti d’America, Francia e Spagna. È il direttore della Rivista di Cultura Latinoamericana Guaraguao.

Per chi volesse approfondire la biografia e l’opera di Mario Campaña, Vi invitiamo a visitare il sito: http://www.candaya.com/airesdeellicottcity.htm

Grazie a tutti !!!!!

Priscila Cujilan - ideatrice del concorso

martedì 27 aprile 2010

All'Istituto Nautico San Giorgio 27-04-2010






Al San Giorgio, in Darsena, la Console Esther Cuesta è stata accolta dal Preside Iozzi e da una rappresentanza del corpo docente, con cui si è prodotta in un proficuo scambio di idee, progetti, esperienze, poi nella bella Aula Conferenze dell'Istituto abbiamo tenuto un altro soddisfacente laboratorio di poesia, in cui i ragazzi hanno dimostrato notevole maturità e disciplina.
Purtroppo non siamo riusciti ad ascoltare la lettura dei testi di tutti gli alunni, comunque parteciperanno tutti al concorso!
Grazie alle Prof.sse Torre e Vidoni per l'assistenza e la presenza, nonché alla mia amica Aracely per la collaborazione.
Priscila Cujilan



Laboratorio di poesia al V.E.II-Ruffini (corso serale) 22-04-2010



























Grazie al Prof. Calvi per la sua collaborazione e presenza. E grazie a Marisol e agli alunni del corso serale del Vittorio Emanuele II-Ruffini. Il laboratorio è stato proficua e molto animato. E i bellissimi testi che hanno scritto parteciperanno al concorso!
Priscila Cujilan - Ideatrice del concorso

Taller de escritura en Il Cesto con la Cónsul del Ecuador Esther Cuesta 21-04-2010












Ringraziamo Federica, Valentina, Uliana e tutti gli altri splendidi volontari dell'Associazione Il Ce.Sto. (http://www.assilcesto.it/) per averci permesso di svolgere il nostro laboratorio di poesia con i loro ragazzi meravigliosi.
Grazie anche a Marisol, Fernando e Roberto per aver collaborato anche in questa occasione.
Priscila Cujilan

sabato 10 aprile 2010

Promuovendo il Concorso: Istituto Odero 25-03-2010









Ringraziamo Alberto Correa per la eccellente mediazione con la Dirigenza dell'Istituto Odero di Sestri Ponente, che ha reso possibile il magnifico incontro tra l'organizzazione di questo concorso e gli alunni di origine ecuadoriana dell'Istituto.
Nella mia qualità di ideatrice del concorso ho spiegato agli studenti le modalità di partecipazioni al concorso di poesia “Jorgenrique Adoum”.
Speriamo che tanti vogliano partecipare!
Priscila Cujilan - Ideatrice del concorso

Taller de escritura - Istituto V.E. Ruffini - 23-03-2010

Un estudiante que lee la poesia del ejercicio popuesto. Una alumna concentrada en la escritura, Caterina Marré y Fernando Calero fueron de mucha ayuda.




Los participantes concentrados en el ejercicio propuesto por Clementina.



Fue un honor que participe la profesora de español del Instituto.




Tambien ayudaron Roberto Marras y Marisol Patiño (no aparece en las fotos, porque las hacia ella ;-)).

sabato 13 marzo 2010

Laboratorio di scrittura al V.E. II Ruffini

Giovedi 11 marzo 2010, grazie alla mediazione del Prof. Roberto Marras e alla collaborazione della Prof.ssa Penelope Tigani, Vice-preside della scuola V.E. II Ruffini, sita nel cuore di Genova, è stato possibile incontrare più di cento studenti ecuadoriani.
La Console dell’Ecuador a Genova, ha invitato gli studenti a partecipare al I concorso di poesia della diaspora ecuadoriana “Jorgenrique Adoum”, stimolandoli a auto-rappresentarsi e a raccontarsi , invitandoli anche al II laboratorio di scrittura nell'ambito del progetto, che sarà a cura della scrittrice Clementina Sandra Ammendola, il 23 marzo alle ore 12.Io invece ho spiegato agli studenti come è nata l'idea di proporre questo concorso, l'importanza di conoscere e diffondere implicitamente l'opera di uno dei più importanti scrittori ecuadoriani, che sinceramente mi sarebbe piaciuto portare a Genova due anni fa, ma che purtroppo non è stato possibile prima per suoi problemi di salute e dopo perché è mancato, lasciando un patrimonio letterario degno dell'orgoglio di ogni ecuadoriano.
L'interesse, l'accoglienza, l'attenzione dimostrate dagli studenti ecuadoriani e anche dai loro compagni italiani presenti, nonché la presenza di diversi insegnanti, ci ha regalato un momento bellissimo di condivisione molto più intenso di quanto ci saremmo aspettate.
Grazie a tutti quanti hanno reso possibile quel momento e aspettiamo con ansia i testi degli studenti che vorranno partecipare.
Priscila Cujilan
Ideatrice del Concorso

giovedì 4 marzo 2010

Jorge Enrique Adoum - Video

video

BANDO DEL CONCORSO



L'Istituto Latinoamericano “José María Velaz S.J.” IRFEYAL di Genova,
L'Unione di Solidarietà degli Ecuadoriani in Italia (USEI),
Pachamama Abbigliamento Artigianato Latinoamericano,
Il Grupo de Lectura en Español della Biblioteca Civica Berio,

con il patrocinio del Consolato Generale dell’Ecuador a Genova,

e con il contributo di
Banco di Chiavari e della Riviera Ligure, Associazione Tonino Archetti Onlus, Centro Studi Medi, Mutuo Seguro Snc, Libreria Books in The Casba, Associazione di Volontariato per la Fundación de Ayuda Social Madonna della Guardia, Associazione Contatto Latino, Sig. Lucas Luzón.

Propongono
nell'ambito del XVI Festival Internazionale di Poesia a Genova che si terrà dal 10 al 20 giugno 2010, il I Concorso di Poesia della Diaspora Ecuadoriana “Jorgenrique Adoum”, noto poeta ecuadoriano (Ambato 29.VI.1926-Quito 3.VII.2009).
L'obiettivo di questa iniziativa è quello di stimolare l’auto-rappresentazione dei migranti e la riflessione sulla mobilità umana, in particolare di rendere più visibile alla comunità genovese, attraverso l’espressione poetica, gli aspetti meno conosciuti e specifici della comunità ecuadoriana residente in Liguria: la poesia promuove l'incontro tra la comunità genovese e la comunità ecuadoriana, la comunità migrante più numerosa nel capoluogo ligure.

Il concorso verrà strutturato in 3 sezioni

La prima sezione vuole dare ai partecipanti l'opportunità di utilizzare lo spagnolo come lingua madre per auto-rappresentarsi e manifestare la loro creatività poetica attraverso le proprie radici.
La seconda sezione vuole dare voce ai partecipanti che preferiscono utilizzare la lingua italiana come veicolo di espressione poetica.
La terza sezione è riservata ai giovani di origine ecuadoriana che vogliano esprimersi sia in lingua italiana sia in lingua spagnola.

Partecipanti
I e II Sezione: ecuadoriani dai 25 anni in su, residenti nella Regione Liguria
III Sezione: giovani ecuadoriani tra i 12 e i 24 anni compiuti al 30 aprile 2010, residenti nella Regione Liguria
Per i concorrenti minorenni è necessaria una dichiarazione sottoscritta nella quale il/i titolare/i della patria potestà autorizzi/no il candidato a partecipare al Concorso.

Premiazione

I e II Sezione
Primo classificato: € 200 e un buono acquisto libri di € 100
Secondo classificato: € 150 e un buono acquisto libri di € 100
III Sezione
Primo classificato: € 500 e un buono acquisto libri di € 100
Secondo classificato: € 250, un buono acquisto libri di € 100 e un buono acquisto artigianato ecuadoriano di € 50.
Terzo classificato: € 150 e un buono acquisto artigianato ecuadoriano di € 50.

La premiazione dei vincitori e la lettura dei testi partecipanti avverrà nel mese di giugno 2010 a Palazzo Ducale nell'ambito del XVI Festival Internazionale di Poesia a Genova. (giorno e orario da stabilire)

Modalità
1.L'iscrizione è totalmente gratuita.
2.Ogni concorrente può presentare fino a 3 testi poetici in spagnolo e fino a 3 testi poetici in italiano.
3.Ogni poesia avrà un massimo di 500 parole.
4.Il tema poetico può avere libera ispirazione.
5.I testi dovranno essere assolutamente inediti e non devono essere stati pubblicati e/o premiati in precedenti concorsi.
6.Si dovrà presentare una busta contenente i testi non firmati, accompagnati da una scheda con le seguenti informazioni:
- Nomi e Cognomi
- Data e luogo di nascita del partecipante, residenza, recapito postale, indirizzo di posta elettronica e numero di telefono.
- Titolo della poesia o poesie inviate


Termini di invio
I testi dovranno pervenire entro e non oltre il 30 aprile 2010.
Potranno essere consegnati personalmente o spediti per posta ordinaria o posta elettronica.
Nel primo caso farà fede la ricevuta, nel secondo farà fede il timbro postale, nel terzo l'avviso di conferma di lettura.

La busta dovrà essere spedita o consegnata a mano al seguente indirizzo:
Concurso de Poesia c/o Pachamama
Via Prè 125 r - 16126 Genova
telefono: 010-236-0678

oppure potranno essere spediti in formato word al seguente indirizzo di posta elettronica (comunque corredati dai dati di cui al punto 6):

poesiaecuatoriana@hotmail.com

Giuria
La giuria sarà presieduta da scrittori, professori ed artisti di varie nazionalità.
La giuria sceglierà a suo insindacabile giudizio i testi vincitori.


Diritti di autore
I diritti d'autore rimangono di proprietà dei rispettivi autori.
Gli elaborati non saranno restituiti.
I dati dei concorrenti, ai sensi dell'art. 10 della legge 675/96 a tutela della privacy, saranno utilizzati unicamente ai fini del concorso.

Informazioni
Tutti gli aggiornamenti del concorso saranno pubblicati i nel seguente blog:
http://concorsopoesiajorgeenriqueadoum.blogspot.com

Ulteriore informazione può essere richiesta a:
email: poesiaecuatoriana@hotmail.com
Tel.: 340-4188988 – 340-8094231